Piano Locali per il Lavoro Scadenza 30 settembre

La categoria

23/09/2019

Piano Locali per il Lavoro Scadenza 30 settembre
La Regione Calabria ha riaperto i termini per inoltrare le domande di partecipazione all’avviso “Piani Locali per il Lavoro” per la selezione di aziende e datori di lavoro interessati e idonei ad assumere a tempo indeterminato mediante “dote occupazionale” una o più figure professionali specializzate tra i giovani laureati già individuati come destinatari dei PLL Azione 5 (voucher per la buona occupabilità).

Destinatari della misura, sono i giovani laureati che si trovano nella condizione di “soggetti svantaggiati o molto svantaggiati” titolari della “dote occupazionale”, che hanno terminato positivamente il proprio Piano Individuale dei Avviamento al Lavoro (PIAL).

Gli ambiti di specializzazione di tali risorse, competenti e competitive, sono strettamente legate alle specificità del territorio e alle esigenze del mondo produttivo calabrese e sono:

Green economy/energia/ambiente
Marketing territoriale
Consulenza aziendale
Comunicazione
Progettazione
Turismo e Cultura
Agroalimentare/Agricoltura
Inclusione sociale
Grafica e multimedia
I giovani laureati, grazie anche ai Piani Locali per il Lavoro, sono già avviati in un percorso che consentirà un loro rapido e proficuo inserimento nelle dinamiche aziendali.

Le imprese potranno presentare una sola domanda di contributo, pur richiedendo più “doti occupazionali”, per un aiuto concedibile massimo di 20 mila euro.

Le spese ammissibili sono i costi lordi salariali durante un periodo massimo di 12 mesi (se lavoratore svantaggiato) o 24 mesi (se lavoratore molto svantaggiato) successivi all’assunzione a tempo indeterminato (full-time o part-time).

Per accedere alle agevolazioni previste le imprese dovranno presentare la domanda di partecipazione e relativi allegati tramite PEC all’indirizzo: pll.selfps@pec.regione.calabria.it dal 1 settembre e si chiuderà il 30 settembre 2019.

Le domande presentate dalle imprese saranno oggetto di valutazione secondo una procedura valutativa a sportello, che porterà alla pubblicazione dell’elenco delle imprese ammesse tra i soggetti finanziabili.
 
fonte: regionecalabria

indietro

torna all'inizio del contenuto